Le Promesse non Mantenute – Ganso

Paulo Henrique Chagas de Lima, meglio noto come Ganso è uno dei tanti talenti brasiliani inespressi, della storia del calcio. Muove i suoi primi calci nella Tuna Luso prima e nel Paysandu (squadra di Belém, nello Stato di Pará) per poi entrare a far parte del settore giovanile del Santos nel 2005, all’età di 16 anni.
Il suo talento lo fa brillare nei campionati giovanili, fino ad arrivare in prima squadra non ancora maggiorenne e già con un contratto quinquennale in tasca, siglato nel gennaio 2008.

Il suo esordio arriva il 17 febbraio dello stesso anno, contro il Rio Preto nella gara valevole per il campionato Paulista.
Di lì in avanti poche e sporadiche le apparizioni del classe ’89, senza particolari sussulti. Bisogna attendere il 2009 per intravedere le potenzialità del ragazzo. In quella annata, infatti, Ganso mette insieme 40 presenze e 10 gol (aggiudicandosi anche il premio di miglior debuttante dell’anno).

Il 2010 è l’anno dei primi trofei di squadra sollevati dal talento brasiliano, con la vittoria del campionato Paulista e della Coppa del Brasile. Il suo apporto, mediante grandi prestazioni e reti siglate (13) lo portano sotto le luci della ribalta.

Il ragazzo, infatti, attira sempre più su di sé l’interesse dei grandi club europei. La grande risonanza che il suo talento va man mano acquisendo, portano il Santos a rinnovargli il contratto fino al febbraio 2015, con una clausola rescissoria record di oltre 54 milioni di euro.
Una ottima annata nonostante un intervento al ginocchio subito nell’estate 2010, che lo porta a stare lontano dai campi per 6 mesi.

Il 2011 rappresenta l’anno più ricco di trofei per il ragazzo. Con la maglia numero 10 sulle spalle, infatti, il trequartista verdeoro arriva a sollevare un Campionato Paulista ed una coppa Libertadores conquistando la partecipazione al suo primo Mondiale per Club (perso in finale contro il Barcellona).

I primi 8 mesi del 2012, rappresentano gli ultimi con la maglia del Santos. Saluta il club con 35 presenze 8 reti e la conquista della Recopa Sudamericana (la parente sudamericana della nostra Supercoppa europea).

L’estate 2012 si configura come quella del “quasi” salto nel calcio europeo; il Milan, infatti, da sempre sensibile verso i talentuosi calciatori brasiliani, arriva ad un passa dall’assicurarsi le prestazioni del classe ’89 (nel frattempo impegnato nel torneo Olimpico di Londra 2012, concluso con un argento conquistato). Tuttavia, dopo settimane di interminabili negoziati non si arriva alla conclusione dell’affare, con Ganso che decide di restare in Brasile.

È il San Paolo, ad assicurarsi le prestazioni del ragazzo, per una cifra di circa 9 milioni, facendogli siglare un contratto di cinque anni.
Il 2012 ed il mancato trasferimento in Europa, rappresentano il punto più alto della carriera del ragazzo ma allo stesso tempo il punto di volta in negativo della curva del suo rendimento.

Le sue prestazioni con la nuova squadra non sono ottimali, con soltanto 11 reti siglate in 2 anni e mezzo, nelle oltre 120 presenze.

Neanche il suo arrivo in Europa nel luglio 2016 (con 4 anni di ritardo) contribuisce a risollevare le sorti del ragazzo. E’ il Siviglia ad investire su di lui, sborsando una cifra vicina ai 10 milioni di euro.  
In Spagna ci resta fino all’agosto 2018, dopo 28 presenze e solo 7 reti in poco più di 2 anni.

Infruttuosi anche i suoi mesi in terra francese, con la maglia dell’Amiens (14 presenze e nemmeno una rete), prima di tornare in patria nell’ultima sessione invernale di mercato, a cercare il rilancio con la maglia della Fluminense.

Osservando la carriera di Ganso si sente l’odore della classica lasciata che è stata persa, con il trasferimento al Milan che avrebbe potuto rappresentare il punto di svolta reale della sua carriera.
Oggi, sulla soglia dei 30 anni, è lontano dai palcoscenici che tutti pensavano potesse calcare.

di Rocco Lucio Bergantino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...