Portieri goleador, quando il numero 1 diventa “bomber”

Rogerio Ceni 131 reti

rogerio-ceni

Sul primo gradino del podio, incontrastato con più del doppio delle reti rispetto all’immediato inseguitore c’è, appunto, Rogerio Ceni.
Il portiere brasiliano classe ’73, ritiratosi nel 2015, ha uno score invidiabile di 1237 partite (dietro soltanto a Shilton, come numero di gare giocate), 26 titoli vinti (tra cui 3 campionati brasiliani, 3 paulisti, 2 Libertadores, 2 Intercontinentali e un Mondiale per club) e, soprattutto, 131 reti segnate; di questi, 61 sono stati messi a segno da calcio di punizione, 69 su rigore (tutti con il suo magico piede destro) e uno anche su azione.
Su calcio da fermo era una certezza; dagli undici metri nella roulette dei penalty, infatti, solo 1 errore ai penalty dopo il 120′ in tutta la carriera, nel 2010, contro i peruviani dell’Universitario.
La sua abilità nel calciare, non era solo un dono divino, una qualità innata, ma era anche risultato di continui e accurati allenamenti; prima e dopo ogni seduta, infatti, si fermava per una sessione di calci da fermo.

di Rocco Lucio Bergantino

Rispondi