Le promesse non mantenute – Sergio Canales, il peso del “blanco”

Considerato un talento di sicuro avvenire nella coda del primo decennio del 2000, Sergio Canales è sicuramente una delle tante promesse non mantenute del calcio contemporaneo.

Cresciuto nelle giovanili del Racing Santander, il trequartista classe ’91 mette subito in mostra le sue grandi qualità. Nella stagione 2009-2010, infatti (poco più che maggiorenne) mette insieme ben 7 reti nelle 31 presenze totali (molte da subentrante dalla panchina).

Le buone prestazioni e i grandi margini di crescita, portano molti top club spagnoli (e non solo) ad interessarsi al ragazzo. A spuntarla è il Real Madrid che, nel Luglio 2010, sborsa 6 milioni di euro per aggiudicarsi il cartellino del promettente spagnolo.

Pur arrivando ad alzare il suo primo trofeo, la Coppa del Re, vinta in finale contro il Barcellona, la prima stagione da madridista si conclude con un bottino di soltanto 15 presenze (la maggior parte scampoli di match) e nessuna rete segnata.

In virtù di ciò, la dirigenza del Real decide di girarlo in prestito per permettere al centrocampista di acquisire una maggiore esperienza.

Il 4 agosto 2011 viene ufficializzato il prestito al Valencia. Tuttavia la sua esperienza al Mestalla è da subito sfortunata, pesantemente condizionata da un grave infortunio patito il 23 ottobre 2011, al 34′ della partita Athletic Bilbao-Valencia (infortunio che lo tiene fuori dai campi per sei mesi).

A causa del lungo stop, la sua prima stagione con il club valenciano termina con uno score di 16 presenze ed una sola rete.
Nonostante il magro bottino, il Valencia esercita il diritto di riscatto, facendo sottoscrivere a Sergio un contratto di 5 anni.
Nonostante la grande fiducia riposta in lui, la sua esperienza termina nel gennaio del 2014 con uno score finale fatto da poco meno di 60 presenze e soltanto 5 reti siglate in 3 stagioni e mezzo.

A credere ancora in lui è la Real Sociedad la quale sborsa per il suo cartellino 3,5 milioni di euro.

Tra alti e bassi, il classe ’91 continua a giocare ancora oggi per la squadra basca; i suoi numeri fino a questo momento, parlano di oltre 150 presenze messe insieme in 4 stagioni e mezzo, ma soltanto 12 reti siglate.

Oggi (passato in estate al Real Betis) ormai 27enne, Sergio Canales è ben lontano dai palcoscenici che poco meno di un decennio fa ci si immaginava per lui (pagando probabilmente il salto di categoria arrivato troppo presto, quando a soltanto 19 anni è sbarcato al Bernabeu), passato progressivamente dall’essere uno dei maggiori talenti del panorama calcistico internazionale, alla infima definizione di “Promessa Non mantenuta”.

di Rocco Lucio Bergantino

Rispondi