SpazioGiovani – Eddy Salcedo

Attaccante classe 2001 dell’Inter, Eddy Salcedo è uno dei talenti che ha creato maggiori aspettative negli ultimi tempi. Arrivato in nerazzurro in estate, è tuttavia con la maglia del Genoa che il ragazzo, fino ad adesso, si è messo maggiormente in mostra.

Cresciuto nelle giovanili genoane al fianco i Pellegri, infatti, con il suo ex-collega oltre che il percorso intrapreso, condivide anche l’etichetta di predestinato.

Nato in Italia da genitori colombiani, Eddy è un “quasi-figlio” d’arte. Suo padre, infatti, negli anni ’90 è stato un giocatore sì della nazionale colombiana, ma di basket.

Muove i suoi primi calci nella Barabino&Partners, scuola calcio da dove, tra gli altri, è venuto fuori, anche, proprio Pietro Pellegri.
Approdato al Genoa dopo essere stato visionato quando militava nel Merlino 8 Marzo (scuola calcio con sede adiacente al campo di allenamento della società rossoblu), il ragazzo ha da subito messo in mostra le sue grandi doti.

Descritto come il classico attaccante  sudamericano, il ragazzo  possiede una grande duttilità tattica, che gli permette di ricoprire più posizioni sul fronte offensivo del campo, combinando una grande velocità palla al piede ad un ottimo tiro.

Foto da genoacfc. , Tanopress

Nella scorsa stagione, pur avendo già fatto il suo esordio in prima squadra con i 9’ giocati nella prima giornata di campionato (grazie ai quali, a 15 anni, dieci mesi e venti giorni, è diventato il sesto giocatore più giovane di sempre ad aver esordito in Serie A), è rimasto in Primavera per non bruciare le tappe, restando uno dei punti fermi della selezione giovanile del Grifone.

Dal canto suo, anche l’Inter ha deciso di aggregarlo alla formazione Primavera (decisione più che giusta, trattandosi di un classe 2001).

Il ragazzo, soltanto 17enne, è ormai da qualche stagione nel giro della Primavera, dimostrando di poter competere senza problemi, diventando decisivo, anche contro avversari più grandi di 4 anni.

Il suo talento è indiscutibile, ora sta solo a lui metterlo in mostra in tutto il suo splendore.

di Rocco Lucio Bergantino

Rispondi