La Top 11 dei palloni d’oro mancati

Thierry Henry

C’è stato chi lo ha definito, oltre che giocatore completo ed elegante, intrattenitore, ovvero chi intrattiene il pubblico divertendolo ed affascinandolo con le proprie performance.
Intrattenere il pubblico non è una cosa facile, sopratutto se lo fai con un tipo pubblico abituato a vedere grandi giocatori e vivere altrettanto grandi delusioni al livello calcistico.
Titì Henry è stato capace di affascinare i tifosi dell’Arsenal prima e quelli di tutto il mondo poi compiendo innumerevoli numeri di magia con il pallone mai fini a se stesse.
Per i difensori era un incubo, poteva prendere il pallone in ogni zona del campo e segnare da dove e quando voleva. I gol che segnava lui li segnava lui e basta.
Ovviamente per vincere il Pallone d’Oro bisogna anche avere i trofei dalla propria parte e nella bacheca del francese in cui figurano innumerevoli trionfi e riconoscimenti nazionali, cinque Campionati Inglesi, una Champions, un Europeo e un Mondiale.
Capocannoniere in Premier per quattro volte in cinque anni, Henry è stato vicino alla vittoria del Pallone d’Oro in quegli anni, secondo nel 2003 e terzo nel 2006.

Rispondi