La Top 11 dei palloni d’oro mancati

Alessandro Del Piero

Le annate che vanno dalla ’73 sino all’annata ’75 hanno regalato al calcio italiano calciatori dotati di talento e classe infinita, tra cui Alessandro Del Piero.
“Le punizioni alla Del Piero”, i “gol alla Del Piero”… “Aah come gioca Del Piero!!”
Il ragazzo prodigio di Conegliano gioca divinamente ogni pallone che tocca dipingendo traiettorie tanto delicate quanto letali per i portieri avversari.
Indimenticabili le 3 finali  di Champions consecutive (’95-’96; ’96-’97; ’97-’98) denotando la sua importanza nel club fornendo compagni e segnando gol decisivi. Quel Del Piero era divino ma non abbastanza per superare Sammer nella classifica del Pallone d’Oro ’96, arrivò quarto.
Per non parlare dei trionfi nazionali con la vecchia signora, risultando inoltre il secondo miglior marcatore italiano di tutti i tempi con 346 gol.
Il “tiro a giro” sul secondo palo è stato il marchio di fabbrica di quel giocatore capace di scrivere la storia di un club diventandone bandiera e di non abbandonarlo nel momento più difficile, riuscendo in campo internazionale a raggiungere il tetto del mondo con gli azzurri nel 2006.
Alex Del Piero insieme a pochi altri ha vinto tutto non vincendo mai il premio di migliore.

Rispondi