Russia 2018 – Resoconto Quarti di finale

Tra sorprese e battaglie epiche, ecco il resoconto degli incontri di quarti di finale.

I risultati

Avanza senza troppi grattacapi la Francia, con un Uruguay orfano dell’infortunato Cavani che non è riuscito quasi mai ad impensierire gli avversari. Gli avversari archiviano la pratica con 1 gol per tempo e con l’importante contributo di Muslera sulla rete del raddoppio. Partita non indimenticabile per Mbappè, con Griezmann che si è ripreso le luci della ribalta.
Saluta l’Uruguay di Oscar Tabarez, con il rimpianto di aver buttato via una grande possibilità per fare qualcosa di grande.

La sorpresa dei quarti di finale è rappresentata senza dubbio dall’eliminazione del favoritissimo Brasile di Neymar e Coutinho. I verdeoro, hanno da subito visto il match mettersi in salita, con lo sfortunato autogol di Fernandinho su azione di calcio d’angolo. Il raddoppio di De Bruyne ha contribuito a rendere la situazione ancora più complicata, con un Neymar che non è riuscito ad incidere praticamente mai.  Inutile la rete di R. Augusto ad un quarto d’ora dal triplice fischio, la quale non ha portato il Brasile alla reazione d’orgoglio necessaria per raggiungere il pareggio.

Grande delusione per i brasiliani, la quale fa da contrasto alla grande prestazione del Belgio, tanto piacevole quanto attesa sorpresa della rassegna iridata russa.

Una rete per tempo e stata sufficiente, all’Inghilterra, per archiviare la pratica svedese. Gli scandinavi nulla hanno potuto contro il più alto tasso tecnico avversario. Vola in semifinale l’Inghilterra, con la voglia di fare qualcosa di importante e, perchè no, ripetere l’impresa del 1966.

Ottimo mondiale per la Svezia, i quali hanno scelto il modo migliore per far dimenticare l’assenza dei Dio Zlatan.

Il quarto più spettacolare e combattutto, il quale ha viso i padroni di casa, prima in vantaggio (alla mezz’ora con il solito Cheryshev) ripresi dopo neanche 10 minuto (da Kramaric al 39′). Lo spettacolo poi si è ripetuto ai supplementari, con la Croazia avanti grazie alla rete di Vida, ma ripresa quasi allo scadere dalla rete del pareggio di Mario Fernandes, che ha mandato in delirio una nazione intera.

Ironia della sorte, proprio di Fernandes l’errore decisivo dagli 11 metri (dopo lo sciagurato cucchiaio di Smolov, annullato dalla parata di Akinfeev su Kovacic), con rigore decisivo siglato dal solito Rakitic.

Salutano il sogno i padroni di casa della Russia, dopo un mondiale vissuto da protagonisti con un risultato che è andato ben oltre le più rosee aspettative. Ad un passo dal baratro la Croazia, la quale centra la seconda vittoria consecutiva ai calci di rigore, con la consapevolezza di poter arrivare lontano.

Semifinali

Rispondi