EDITORIALE – In un universo parallelo….

Domani a Wembley i nostri azzurri si ritroveranno a dover superare un altro grande ostacolo nel match che li vedrà contrapposti ai padroni di casa.
Dopo la grande prestazione contro l’Argentina, quello con l’Inghilterra rappresenta un ulteriore banco di prova per questo gruppo, in vista dei mondiali russi.

Il CT Ventura, superato il periodo nero grazie alla qualificazione raggiunta nel rognoso spareggio italo-scandinavo, e in virtù di una gestione del gruppo che convince sempre di più, può contare su una rosa di elementi di sicuro affidamento, il giusto mix tra esperienza e giovane esuberanza che serve per far bene.

Dopo essere arrivati ad un passo dall’eliminazione, le quotazioni degli azzurri sono in continua ascesa, candidandosi sempre più come possibile sorpresa della rassegna iridata.

Il gruppo è forte, unito, ricco di leader veri, dalla porta (Buffon) passando per la spina dorsale del campo (Bonucci & co.), fino ad arrivare ad un reparto offensivo, tra i più prolifici di tutte le 32 qualificate. Immobile, Insigne, Belotti e Zaza, rappresentano certezze granitiche per mister Ventura, le  quali fanno ben sperare, ancor più considerando il reintegro a tempo pieno del figliol prodigo Mario Balotelli, vero e proprio jolly di una nazionale che convince sempre più…..

Le lacrime di Gigi ci riportano alla cruda realtà; a questo punto della stagione, avremmo fortemente voluto poter scrivere queste parole tanto stimolanti quanto speranzose.
Ma la realtà è un’altra, e la sappiamo tutti.

Le grandi nazionali di tutto il globo stanno preparando i bagagli per Russia 2018, mentre noi siamo lì, che navighiamo a vista, cambiando rotta repentinamente e senza un preciso senso logico e, soprattutto, senza sapere dove stiamo andando.

di Rocco Lucio Bergantino

Rispondi