La top 11 occasioni nel mercato di Gennaio

Al mercato di Gennaio, le squadre italiane giungono spesso con pochi quattrini ma tanta voglia di migliorare le proprie rose. Far di necessità virtù dunque, diventa non più soltanto uno slogan, ma una vera filosofia di vita.

Abbiamo provato a creare un 11 di giocatori di assoluto valore con valutazioni inferiori ai 20 milioni che potrebbero cambiar casacca qualora qualcuna delle grandi dovesse bussare alla porta delle società di appartenenza.

Portieri

L’esplosione di Alisson culminata con una super-prestazione in Inter-Roma chiude definitivamente la porta ad un talento come Skorupski che negli scorsi 2 campionati ha dimostrato di valere certamente i gradi di titolare in una squadra italiana. La Roma chiede 8 milioni di euro in prima richiesta. La sensazione è che con 6 il polacco potrebbe lasciare la capitale.

Difensori

Un nome sul quale le cronache non spendono fiumi di parole se non per celebrarne l’ennesima ottima prestazione è quello di Acerbi del Sassuolo. La volontà del giocatore, dopo la decisione della scorsa estate di restare in Emilia ancora un anno, è quella di darsi l’ultima grande opportunità in una squadra al top. La sensazione, anche qui, è che con un modesto conguaglio alla società neroverde, si possa tornare a casa con uno dei difensori più costanti della Serie A sotto braccio.
Un altro nome in rampa di lancio è quello di Gianmarco Ferrari in forza alla Sampdoria con la quale ha collezionato già 15 presenze stagionali quasi sempre condite da ottimi voti ed impressioni che hanno fatto del centrale blucerchiato un one to watch. Difronte ad una offerta attorno alla minima doppia cifra Sassuolo e Samp potrebbero accordarsi per liquidare sin da subito il difensore italiano e dedicarsi alla successiva plusvalenza.
Il terzo nome per la difesa è Lorenzo Tonelli. Nelle sue rare apparizioni ha sempre dimostrato di essere l’affidabile difensore ammirato negli anni trascorsi all’Empoli, in grado di condire le proprie prestazioni anche con qualche gol. Il Napoli sembra essere intenzionato a liberare un posto da centrale e con una offerta pari al suo costo storico (circa 6 milioni forse anche meno) Aurelio de Laurentiis potrebbe dar l’ok per la sua partenza.

Centrocampisti

 
Il pezzo pregiato in mediana, che rispetta i nostri parametri economici è senza alcun dubbio Torreira della Samp. Giocatore tecnico in grado di ricoprire tutti i ruoli di interno di centrocampo, che non disdegna affatto la fase difensiva (il rapporto palloni recuperati, comparato alla sua statura è…lasciamo al lettore la scelta dell’aggettivo) ormai giunto al capolinea della sua esperienza con la squadra di patron Ferrero. 20 milioni, con forse qualche bonus, potrebbero bastare per assicurarsi l’uruguagio e la sua fantasia. Non è un caso che il Napoli ci stia lavorando in prospettiva estiva.
Chiuso da diverse prime scelte, Mirko Valdifiori potrebbe optare per un cambio di casacca già da questa finestra di mercato. L’ex trequartista di Empoli e Napoli, non è riuscito a mettere in mostra le doti di cui è portatore per colpa di moduli che tarpano difatto le ali al trequartista granata. Ciò non significa che i suoi piedi non siano degni della massima categoria. Con un prezzo di cartellino nell’ordine dei 5 milioni, l’affare è netto e tante sono le società che in extremis potrebbero accaparrarsi il centrocampista granata.
Jankto e Barak sono le due nuove stelle del supermarket Udinese. Fisico, corsa, tecnica, conclusione, propensione al gol. Tante le doti messe in mostra in questo girone d’andata. Investire sui nuovi interni di centrocampo friulani è un affare che porta con se una certa propensione di rischio. Ma ad Udine in genere si comprano giocatori che non tradiscono le aspettative. Per restare sotto la cifra limite occorre muoversi sin da ora e presentare offerte e formule di pagamento tanto care al patron Pozzo, che fiutando l’affare, potrebbe dar via entrambe le pedine al netto di soli 6 mesi di prestazioni di un certo tipo.

Attaccanti

Il mercato degli attaccanti già presenti in Italia, francamente, convince molto più di quelli accostati in queste ora alle società come Roma ed Inter che potrebbero ritrovarsi a corto di attaccanti viste le probabili partenze di Dzeko ed Eder.
Proprio Eder rappresenta un pezzo pregiato da non farsi sfuggire. L’attaccante ha sempre dimostrato di poter dare alla squadra neroazzurra un quid di intraprendenza sotto porta niente male. Il suo cartellino potrebbe essere ceduto per una cifra ben distante dai 10 milioni di euro, vista anche l’età non proprio giovanissima dell’ex attaccante della Nazionale italiana. Why not?
 
A Firenze Corvino è alle prese con gli ultimi step della rivoluzione voluta dai Della Valle per contenere i costi di gestione della viola. Uno di questi è rappresentato da Babacar che però, con le sue ultime prestazioni, sta dimostrando di essere un pezzo forse un po’ troppo pregiato per essere venduto con una certa fretta. L’attaccante 24enne ha giocato un totale di circa 500 minuti, mettendo a segno 5 reti. Un rapporto gol per minuti giocati di assoluto valore che con un prezzo di cartellino nell’ordine degli 8-9 milioni + bonus, fanno del senegalese una occasione davvero speciale da non perdere.
Andiamo per la prima e l’unica volta all’estero per concludere il nostro 11 con una ex conoscenza dei campi nostrani attualmente in forza al Barcellona. Gerard Deulofeu è un deal semplice. 20 milioni totali ai blaugrana ed esterno spagnolo pronto a prendere la direzione del suo nuovo club. Napoli, Inter, Milan non dovrebbero farsi sfuggire l’occasione per accaparrarsi un talento puro in grado di fare la differenza dati alla mano, in Serie A. Qui l’impressione è che l’accordo debba essere raggiunto al più presto prima che una qualche squadra inglese, fiutando l’affare e disponendo di liquidità tale da poter pagare senza trattare, possa accaparrarsi l’ex ala dell’Everton.

di Marco Pasqua

Rispondi