Tennis – Quei ragazzi dell’87 che 16 anni fa erano accomunati da un sogno: diventare campioni

Immagine tratta da Tie Break Tennis

Mischa Zverev, che al secondo turno aveva estromesso il nostro Fognini, si impone 7-5 al terzo in finale su Djokovic. Per Murray è fatale il tie-break nel set decisivo contro il tedesco Bachinger negli ottavi. Nella gara femminile la Chakvetadze cade al secondo turno per mano della Gradisnik, la Errani dà forfait, è un trionfo per la Lukic che in finale supera Laura Siegemund.

Fantatennis? No, tutto vero.

Sono i risultati del torneo ETA under 14 di Arezzo, disputatosi nell’aprile 2001 al Ct Giotto di Arezzo, che avevo seguito per la rivista con la quale collaboravo. Scorrendo i file di un vecchio PC, mi sono imbattuto nei tabelloni di quel lontano evento. Come quando riemerge una foto ingiallita dei compagni di liceo da una polverosa scatola di scarpe dimenticata in soffitta, il pensiero non è rivolto tanto a chi si è fatto un nome e la cui carriera abbiamo continuato a seguire dai media. La curiosità è rivolta a chi non abbiamo più avuto l’occasione di incontrare o di cui non abbiamo più sentito parlare. Così, scorrendo quei vecchi draw, è stato quasi automatico mettersi alla ricerca, negli archivi ATP, ITF e WTA, per vedere se e come si è realizzato il sogno di diventare campioni che, in una primavera di sedici anni fa ad Arezzo, tutti quei ragazzi dell’87 coltivavano in cuor loro.

Dei partecipanti al tabellone maschile, oltre ai due plurivincitori di Slam, Djokovic e Murray, altri cinque giocatori sono entrati nella top 100: Fognini, Zverev (che nel 2001 difendeva ancora i colori della Russia), Lacko, Brands, Kavcic e Bachinger.  Otto ragazzini su sessantaquattro che hanno coronato il sogno. Poi abbiamo altri quattro giocatori presenti nell’ultimo ranking: Mertens, Arnaboldi, Viola e Betov. Altri quarantadue hanno tentato la via del professionismo, ventidue con la soddisfazione di aver comunque iscritto il proprio nome nel ranking mondiale, diciassette non sono riusciti a conquistare neppure un punto ATP. Dei restanti dieci partecipanti non c’è alcuna traccia nelle entry list dei Future presenti negli archivi dell’ITF.

Tra i desaparecidos di quel lontano torneo giovanile, spicca il nome del romano Yari Natali, uno dei tanti campioni annunciati degli ultimi trenta anni. Vincitore due anni prima della Lambertenghi, Natali fu oggetto di grande attenzione dei media già all’età di otto anni quando si impose precocemente al Lemon Bowl. Yari gioca ancora a tennis in Friuli, classificato 2.8, lo scorso anno ha contribuito alla promozione dalla D1 alla C dell’Atomat Tennis Udinese, circolo che fino a qualche anno fa ha militato anche in A1 e che adesso cerca di risalire nell’élite del tennis.

Il tabellone femminile aretino è risultato a posteriori meno nobile di quello maschile. Tra le sessantaquattro ragazzine del main draw solo Anna Chakvetadze, sconfitta al secondo turno, ha scalato in modo deciso il ranking mondiale issandosi fino alla quinta posizione nel 2007 grazie alla semifinale agli US Open preceduta dai quarti agli Australian Open e a Wimbledon. La giocatrice russa si è poi precocemente ritirata nel settembre 2013 per i perduranti problemi alla schiena. Eccellente anche la carriera della tedesca Laura Siegemund, best ranking n.27, tuttora n.37. La nostra Sara Errani, regolarmente iscritta, non scese in campo ad Arezzo dando spazio a una lucky loser. La vincitrice, la jugoslava (poi serba) Lukic non confermerà le aspettative raggiungendo solo un modesto best ranking a ridosso delle top 200. Rispetto ai maschi, maggiore è il numero delle ragazze che ha disputato almeno un incontro del circuito Pro, cinquantanove contro cinquantaquattro. Di queste, quaranta hanno conquistato punti utili per la classifica WTA ma solo cinque sono ancora in attività.

Tra le presenti ad Arezzo ricordiamo una bella ragazza mora, la massese Susanna Mussi (best ranking n. 653), che all’epoca beneficiò di una wild card. Susanna, che adesso lavora nel settore sanitario, è ancora classificata 3.2 nonostante da alcuni anni abbia abbandonato l’attività agonistica. Prima volto di Supertennis, poi istruttrice FIT al Tennis Park Genova, Susanna nel 2012 ha riempito le pagine della cronaca rosa per la sua partecipazione alla fase finale di Miss Italia e soprattutto per la serata di Miss Liguria dove giunse seconda al termine di una contestata votazione.

Fu veramente un bel torneo, interessante e di buona qualità media, quella primavera del 2001 al Ct Giotto. Dire adesso che avevamo visto nei giovani Djokovic, Murray e Chakvetadze le stigmati dei predestinati sarebbe troppo facile e soprattutto una grande bugia.

RISULTATI (Arezzo, Ct Giotto – Under 14 ETA – 16/21 aprile 2001)

SINGOLARE MASCHILE

3° Turno: Krasnoroutski (RUS) b. Arnaboldi (ITA) 7-5 6-4, Lacko (SVK) b. Jelenic (CRO) 6-1 6-1, Nakic Alfirevic (CRO) b. Bozovic (YUG) 6-1 3-6 6-2, Djokovic (YUG) b. Peric (CRO) 6-0 6-4, Thron (GER) b. Farron Mahon (IRL) 6-4 6-3, Zverev (RUS) b. Armellini (ITA) 6-2 6-0, Kavcic (SLO) b. Skugor (CRO) 3-6 6-4 6-2, Bachinger (GER) b. Murray (GBR) 2-6 6-2 7-6.

Quarti: Krasnoroutski b. Lacko 6-3 3-6 6-2, Djokovic b. Nakic Alfirevic 6-0 6-3, Zverev b. Thron 1-6 6-0 6-1, Bachinger b. Kavcic 6-1 7-5.

Semifinali: Djokovic b. Krasnoroutski 6-3 6-4, Zverev b. Bachinger 6-2 6-3.

Finale: Zverev b. Djokovic 3-6 6-2 7-5.

SINGOLARE FEMMINILE

3° Turno: Grady (GBR) b. Kirianova (RUS) 1-6 7-5 6-3, Siegemund (GER) b. Mladenova (BUL) 6-3 4-6 6-2, Ancic (CRO) b. Ludwig (GER) 6-2 6-3, Malek (GER) b. Muresan (ROM) 6-1 6-4, Klaschka (GER) b. Ivanova (RUS) 6-4 6-3, Evtimova (BUL) b. Stojic (BIH) 6-4 1-6 7-6, Gradisnik (SLO) b. Gerk (GER) 2-6 6-3 6-1, Lukic (YUG) b. Dobra (CZE) 6-1 3-6 6-2.

Quarti: Siegemund b. Grady 6-2 6-4, Malek b. Ancic 6-4 6-3, Evtimova b. Klaschka 6-3 6-2, Lukic b. Gradisnik 6-3 6-2.

Semifinali: Siegemund b. Malek 6-4 7-6, Lukic b. Evtimova 6-2 6-2.

Finale: Lukic b. Siegemund 2-6 6-2 7-6.

di Alessandro Terziani (ww.tiebreaktennis.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...