UEFA sub21 Euro (Gruppo C) – Il torneo azzurro

Repubblica Ceca 3-1 Italia

repita+-1

Marcatori:
Travnik (RC) al 24’ p.t.; Berardi (I) al 25′, Havlik al 34′, Lutfneral 40′ s.t.

REPUBBLICA CECA (4-4-1-1) Zima; Havel, Luftner, Simic, Holzer; Jankto, Hubinek (33′ s.t. Chory), Soucek, Hasek (21′ s.t. Havlik); Travnik; Schick (38′ s.t. Sacek). (Vejmola, Macej, Havlik, Julis, Barak, Chory, Necas, Stronati, Cerny, Sevcik, Kasa). All. Lavicka.
ITALIA (4-3-3) Donnarumma; Conti, Ferrari, Rugani, Calabria; Pellegrini, Cataldi (38′ s.t. Cerri), Grassi (dal 9’ s.t. Chiesa); Berardi, Petagna, Bernardeschi (30′ s.t. Gagliardini). (Cragno, Scuffet, Barreca, Biraschi, Caldara, Pezzella, Benassi, Locatelli, Garritano, Cerri). All. Di Biagio.

 

Non un buon risultato quello raccolto dalla nazionale italiana contro la Repubblica Ceca, le cose si mettono male per gli azzurrini di Di Biagio che dovranno inevitabilmente vincere contro la Germania (vincente nel suo incontro con la Danimarca) considerando la differenza reti e la prossima partita dei cechi.

Partita vivace sin dai primi minuti e la prima vera occasione capita sui piedi di Bernardeschi che spreca la ghiotta chance di segnare la prima marcatura, tiro dall’altezza del dischetto del rigore e parata non difficile di Zima. (10′)

I cechi reagiscono e vanno in vantaggio dopo uno scivolone di Rugani che spiana la strada verso porta a Travnik che raccoglie la sponda di testa di Schick, avanza ed incrocia un destro che Donnarumma non riesce a fermare. Vantaggio Repubblica Ceca.

Nel secondo tempo Di Biagio cambia facendo entrare Chiesa al posto di Grassi ed il cambiamento si sente, il giovane talento viola è vivace e rende il gioco più veloce.
Con l’ingresso del neo-entrato anche Berardi si sveglia.
Minuto 25, Berardi raccoglie un lancio di Cataldi, va al tiro, parato e si avventa sulla respinta mettendo dentro di testa il gol del pareggio azzurro.

europei-under-21-repubblica-ceca-italia-2

Il momento degli azzurri è buono, tanto che Petagna sfiora il vantaggio con un bel pallonetto, ma sono i cechi che passano in vantaggio.
Al 34′ Chory serve Hvlik, che riceve in mezzo a tre difensori e piazza il pallone con il suo piede più debole segnando il vantaggio, duro colpo per gli italiani.
Di Biagio cerca di correre ai ripari inserendo anche Cerri al posto di Cataldi e Gagliardini per Bernardeschi, ma è la Repubblica Ceca segnare ancora.
Il gol del k.o. viene da un tiro forte e preciso dalla lunga distanza del difensore Luftner che sorprende Donnarumma (forse un po’ in ritardo).

201005873-f8fbc183-2837-40bf-933e-ab28b56b4ba7

Sino a qui l’europeo dell’Italia fa emergere qualcosa di evidente, la rosa italiana potrebbe esprimere ben altro date le qualità degli interpreti in campo.
L’Italia crea tanto, segnale che il talento e la fantasia ci sono, ma spreca molto, soprattutto in occasioni dove la giocata più elementare può portare al risultato rispetto a quella più articolata come in diverse occasioni osservate in questa partita.
Insomma, un’Italia di talento e poco cinica.

 

di Andrea Danuzzo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...