UEFA Euro Under 21 – La favoritissima Spagna e le possibili outsider

Poland2017.jpg

Prendono il via venerdì 16 giugno, in Polonia, gli Europei Under 21. Da quest’anno sono 12, e non più 8, le nazionali partecipanti. La nuova formula prevede così 3 gironi da 4 squadre ciascuno, con la prima classificata di ogni raggruppamento e la migliore delle 3 seconde che accedono alle semifinali. Il secondo posto nel girone, dunque, non dà la garanzia di passaggio del turno, come invece  avveniva in passato.

La favorita d’obbligo è la corazzata Spagna (clamorosamente la Francia di Mbappè & co. non è riuscita a qualificarsi), che si presenta in Polonia con una selezione Under21 tra le migliori di sempre, e che dovrà affrontare nel Gruppo B Portogallo, Serbia e Macedonia.

Quel che fa della Spagna una squadra clamorosa non è solo la qualità dei singoli, ma anche la loro esperienza a livello internazionale: la maggior parte dei convocati ha già un background di presenze in Europa League, Champions League e Nazionale maggiore.

Tra questi spiccano Bellerìn, terzino destro titolare nell’Arsenal, Saùl Niguez, jolly del centrocampo di Simeone nell’Atletico Madrid, Marco “El Mago” Asensio, gioiellino e riserva di lusso nel Real Madrid campione d’Europa, ma anche Alex Grimaldo, Denis Suarez, Inaki Williams, e la lista potrebbe continuare…

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Due possibili formazioni che Celades potrebbe schierare ruotando ben 18 uomini (la prima è con ogni probabilità quella che più si avvicina all’undici titolare).

Il CT Celades ha in pratica l’imbarazzo della scelta in quasi ogni zona del campo, e potrebbe verosimilmente formare due squadre competitive allo stesso modo per la vittoria finale. L’unico ruolo in cui, se vogliamo, mancano ricambi di grande qualità è quello di difensore centrale, anche a causa del forfait di Yeray Alvarez, difensore dell’ Athletic Club, purtroppo colpito nuovamente dal tumore che lo aveva tenuto lontano dai campi a inizio 2017. Per il resto, notiamo un’abbondanza surreale nello slot di terzino sinistro (Jonny, Gayà, Grimaldo sono tre super prospetti) e a centrocampo, dove un talento cristallino come quello di Dani Ceballos rischia seriamente di stare a guardare.

Celades probabilmente opterà per il 4-3-3 e il 4-2-3-1 come moduli di base, con la certezza della difesa a 4, in cui a destra agirà il velocissimo Hector Bellerìn, in cerca di riscatto dopo una stagione non molto felice alla corte di Wenger. I centrali saranno Jorge Merè del retrocesso Sporting Gijòn e il classe 1997 Jesùs Vallejo, appena rientrato al Real Madrid al termine del prestito all’Eintracht, entrambi giocatori molto fisici e allo stesso tempo rapidi. A sinistra, come detto, nessuno ha il posto assicurato, anche se potrebbe prevalere la maggior esperienza di Josè Luis Gayà, con Jonny Castro e Grimaldo (due che sarebbero titolari inamovibii in ogni altra selezione) appena dietro nelle gerarchie.

A centrocampo, come vuole la tradizione spagnola, tanto possesso e fraseggio in spazi stretti; perciò spazio ai trequartisti Asensio e Suarez, arretrati di qualche metro rispetto alla loro posizione naturale, e a Saùl, che schierato da mediano si vede restringere il range d’azione, limitando dunque i suoi inserimenti negli spazi spesso vincenti. Per questo motivo potrebbe essere sacrificato (o spostato sulla linea offensiva) Suarez in modo da far spazio a un vero equilibratore de centrocampo come Marcos Llorente. Averne di questi problemi, direte.

In attacco la punta titolare sarà Sandro Ramirez (all’esordio in under 21), prodotto del vivaio blaugrana ma esploso quest’anno con la maglia del Malaga. Sandro è dotato di un grandissimo tiro, anche da fuori area, e di un piede educatissimo anche quando si tratta di dosare l’ultimo passaggio o un traversone (nel Malaga tira tutto: punizioni, corner, rigori). Sugli esterni Deulofeu è praticamente certo del posto nel ruolo di ala sinistra (è il miglior marcatore con 8 reti), con Inaki Williams probabile titolare a destra, anche se entrambi possono giocare indifferentemente su entrambi i lati.

ITALIA-SPAGNA-UNDER-21-3.jpg

Da sinistra a destra: Denis Suarez, Inaki Williams, Federico Chiesa, Pau Lopez durante l’amichevole Italia-Spagna dello scorso marzo (foto calcioweb.eu)

Nell’amichevole di preparazione all’Europeo giocata e vinta lo scorso marzo contro l’Italia, la Spagna si è schierata con Mayoral centravanti e Denis Suarez ala sinistra, mentre a centrocampo Saùl (a segno in quella circostanza) agiva da mezzala e non da mediano, tanto per avere un’idea della varietà di soluzioni tattiche a disposizione delle Furie Rosse.

L’avversario più pericoloso della Spagna nel Gruppo B sarà il Portogallo (Macedonia e Serbia sono capitate in un girone durissimo), finalista nell’edizione del 2015, quando venne sconfitto ai rigori dalla Svezia. Gran parte della rosa portoghese esce dai floridi vivai di Benfica, Sporting e Porto, le 3 big del calcio lusitano. La squadra è sicuramente una delle migliori del torneo, anche se le riserve non sono all’altezza dei titolari e la coperta è decisamente più corta rispetto a quella spagnola. Nel 4-3-3 di Romeu Almeida spiccano il terzino destro del Valencia Joao Cancelo, i centrali dello Sporting Ruben Semedo e Tobias Figueiredo, ma soprattutto Renato Sanches (Bayern) e Gonçalo Guedes (PSG). Anche gli esterni offensivi sono di primissima fascia: il funambolo Bruma (nuovo acquisto del Lipsia) nel ruolo di ala sinistra e il più tecnico Iuri Medeiros (Boavista) a destra.

Essendo la Nazionale maggiore impegnata in Confederations Cup nello stesso periodo, non sono a disposizione la stella dello Sporting Gelson Martins, Bernardo Silva (appena passato al Manchester City per 80 milioni di euro) e il neo milanista Andrè Silva, tre elementi di grandissimo spessore.

L’Italia di Gigi Di Biagio è invece al gran completo (eccezion fatta per l’infortunio che tiene ai box da tempo Alessio Romagnoli) e ambisce quanto meno ad un posto in semifinale. Gli azzurrini sono inseriti nel Gruppo C insieme a Germania, Danimarca e Repubblica Ceca. Qui la rosa completa.

lineup(2).png

La probabile formazione titolare dell’Italia.

L’undici titolare è di ottima qualità, anche se in generale l’Italia paga qualcosa in termini di esperienza internazionale rispetto a tedeschi, spagnoli e portoghesi. E’ comunque alto l’affiatamento di squadra, grazie ai mini-blocchi di compagni di club (Conti-Caldara-Gagliardini-Petagna, Berardi-Pellegrini) e al fatto che in questo biennio Di Biagio abbia puntato proprio a creare un gruppo unito, non variando più di tanto la lista dei convocati (alcuni giocatori erano presenti anche nell’edizione 2015).

Molti elementi della rosa sono inoltre reduci da una stagione più che positiva in Serie A, pensiamo ad esempio a Donnarumma, Conti, Caldara, Bernardeschi, Pellegrini, Gagliardini, fattore che fa sperare ancora di più in un Europeo di alto profilo, per riscattare la deludente performance di due anni fa, che ci vide estromessi alla fase a gironi, quando ancora era sufficiente arrivare secondi per passare il turno.

italia_under_21_per_euro_2017.jpg

La foto di gruppo della spedizione azzurra (foto FIGC)

Le sorti dell’Italia si decideranno, a meno di catastrofi nelle prime due partite, all’ultima giornata, quando andrà in scena il big match contro la Germania (24 giugno).

Anche per la Germania vale lo stesso discorso fatto in precedenza per il Portogallo: essendo la Nazionale A impegnata in Confederations Cup saranno tante le defezioni, a maggior ragione per il fatto che Loew abbia deciso di portare in Russia una selezione sperimentale, formata da tanti giovani e pochissimi veterani. Non saranno perciò disponibili per l’Europeo Joshua Kimmich, Niklas Sule, Matthias Ginter, Benjamin Henrichs, Julian Weigl, Julian Brandt, Leon Goretzka, Leroy Sanè e Timo Werner. Praticamente una squadra intera.

Nonostante tutto, mister Stefan Kuntz può comunque contare su una rosa di prima fascia, questo per capire come i tedeschi (al pari degli spagnoli) a livello giovanile lavorino meglio di chiunque altro.

 

 

lineup(3).png

L’11 di base della Germania: un 3-5-2 con due terzini di spinta a centrocampo e tanta qualità a centrocampo, con Max Meyer avanzato in attacco.

 

Completano il girone dell’Italia due nazionali in forte ascesa a livello giovanile: Repubblica Ceca e Danimarca. La Repubblica Ceca può contare su due rivelazioni dell’ultima Serie A, Jakub Jankto e soprattutto Patrik Schick, mentre i componenti della rosa danese giocano quasi tutti in patria. Segnaliamo, su tutti, due giocatori del Nordsjaelland, il difensore Maxso e la punta Ingvartsen, e l’ala del Celta Vigo Hjulsager. Coach Fredriksen dovrà rinunciare però a diversi big, che riducono notevolmente il tasso tecnico della Danimarca; Pione Sisto, Andreas Christensen, Kasper Dolberg e Viktor Fischer non saranno infatti a disposizione.

L’Inghilterra, alla ricerca di uno storico double dopo aver trionfato nel Mondiale Under 20 , dovrà affrontare Polonia, Svezia e Slovacchia nel Gruppo A. I padroni di casa devono rinunciare alle due stelle Arek Milik e Piotr Zielinski, mentre i campioni in carica svedesi si presentano con una rosa rimaneggiata dalle rinunce del forte terzino Ludwig Augustinsson, di Emil Krafth e soprattutto del classe ’99 Alexander Isak , futura stella del calcio europeo, e di Victor Lindelof, appena approdato al Manchester United per 40 milioni di euro.

La rosa inglese, sulla carta, è inferiore a quelle di Italia, Spagna, Germania e Portogallo, ma è comunque di buonissimo livello. Difenderà i pali Jordan Pickford, per il quale l’Everton sembra intenzionato a separarsi da 40 milioni di sterline, mentre la difesa è ampiamente rifornita dal Southampton, (Targett e Stephens ci giocano tuttora, Chambers ci è cresciuto). Il centrocampo è il reparto più qualitativo, con l’ex Napoli Chalobah e due ottimi esterni, Demarai Gray e Nathan Redmond. L’attacco verrà guidato da Tammy Abraham, 22 enne di proprietà del Chelsea, ma reduce da una stagione da 23 gol al Bristol City. Assenze pesanti anche per gli inglesi: Eric Dier, Dele Alli e Marcus Rashford non prenderanno parte alla spedizione.

di Luigi Favero

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...