Mondiale Under 20 – Ottavi di finale (Parte 1)

Pagina successiva ->

maxresdefault

 

Il Mondiale Under-20 da sempre riserva grandi sorprese al pubblico amante del calcio e rappresenta una vetrina importante per i giovani talenti di tutto il mondo.
Autogol al Novantesimo vi guiderà attraverso questa competizione con analisi delle partite ed aggiornamenti costanti per tutto l’arco del torneo.

Venezuela-Giappone 1-0 dts (108′ Herrera) Highlights

DBFy9xhWAAA4n67.jpg

Yangel Herrera

Ad aprire la fase a eliminazione diretta è la sfida tra l’imbattuto Venezuela e il Giappone. Parte fortissimo il Venezuela, con Penaranda spina nel finaco della difesa asiatica. L’ex Udinese non riesce a trovare però la via del gol. La replica giapponese arriva a metà primo tempo con Ritsu Doan, che pennella una punizione perfetta dal vertice destro dell’area di rigore; il mancino del numero 7 si stampa sulla traversa, e strozza in gola l’urlo dei tifosi giapponesi che già pregustavano il vantaggio. Il Giappone non crea moltissimo ma quando lo fa è sempre pericoloso: a inizio ripresa Takagi si trova solo davanti a Farinez, ma viene ipnotizzato dal portierone venezuelano e si vede parare un tiro non irresistibile. Nel finale c’è spazio per una sassata da fuori di Cordova, neutralizzata da Kojima. Lo 0-0 non si sblocca, si va ai supplementari. Esce il 10 del Venezuela, Soteldo, più in ombra del solito, e allora a prendere in mano la Vinotinto è il capitano Yangel Herrera che segna di testa, da corner, il gol che vale i quarti di finale. Per il Giappone finisce un mondiale senza infamia nè lode, per il Venezuela si prospetta il derby americano con gli USA.

Uruguay-Arabia Saudita 1-0 (50′ De La Cruz) Highlights

FBL-U20-URU-ARG-1-1024x683.jpg

Nicolas De La Cruz

L’Uruguay si presenta da ovvia favorita al match con l’Arabia Saudita. Tuttavia l’inizio non è dei più semplici, con gli attaccanti Schiappacasse e De La Cruz costretti a tentare conclusioni complesse dalla distanza. L’Arabia Saudita è tutta nel suo numero 10 Alkhulaif, che va vicino al gol con un rasoterra dal limite dell’area. La difesa uruguagia, ancora imbattuta nel torneo, concede pochissimo e si va al riposo sullo 0-0. Al 5′ del secondo tempo arriva la svolta: l’arbitro decrete un penalty in favore dell’Uruguay per un fallo di mano abbastanza sciocco. Dal dischetto capitan De La Cruz non sbaglia tirando potente sotto la traversa, e rimediando all’errore contro l’Italia nel girone. Bentancur ci prova più volte dalla distanza ma non riesce ad aumentare il bottino. Finisce 1-0, con l’ennesimo clean sheet per la Celeste.

Messico-Senegal 1-0 (89′ Cisneros) Highlights

cisneros.jpg

Ronaldo Cisneros

Il primo tempo di Messico-Senegal, sotto il sole cocente di Incheon, è decisamente noioso. Oltre ad una clamorosa occasione mancata dal Senegal, per merito del salvataggio sulla linea di Aguayo, c’è da segnalare solo un bruttissimo fallo di Gueyè, ammonito e graziato dall’arbitro. Nel secondo tempo proprio una sbracciata di Gueyè su Antuna (che evidenzia la lieve scorrettezza da vero attore) gli costa il secondo giallo e quindi l’espulsione, che avrebbe comunque meritato nel primo tempo. Il Senegal in inferiorità numerica non uscirà più dalla prorpia tre quarti, con l’arrembaggio messicano che porta al gol qualificazione, segnato da centravanti Cisneros a un minuto dalla fine.

Francia-Italia 1-2 (27′ Orsolini, 37′ Augustin (F), 53′ Panico) Highlights

9210881683e7d46c511b5c5d78684e71-kl4D--896x504@Gazzetta-Web.jpg

Orsolini e Mandragora

L’ottavo di finale più atteso non può che essere Italia-Francia. I galletti alla vigilia sono dati nettamente favoriti; l’Italia però approccia benissimo il match e al 27′ passa in vantaggio, grazie al terzo gol in 4 partite di Riccardo Orsolini, autore di una splendida girata al volo che batte Lafont. Dieci minuti più tardi un’ingenuità di Mauro Coppolaro provoca il rigore che ristabilisce la parità; dal dischetto Augustin non sbaglia, portandosi anch’egli a quota 3. Al minuto 53 Favilli dimostra di possedere un’ottima progressione nonostante il fisco imponente (191 cm) e sfugge a Diop sull’out destro prima di mettere al centro dell’area un cross delizioso che Panico deve solo spingere in rete. Dal 2-1 in poi è assalto francese, ma un sontuoso Zaccagno respinge i tentativi di Harit e Tousart. Impresa pazzesca dell’Italia, che elimina la favorita numero 1 e viaggia spedita verso i quarti, dove troverà la sorpresa Zambia. Unico neo l’ammonizione ricevuta da Mandragora, che era diffidato e salterà dunque il prossimo match.

QUARTI DI FINALE:

Venezuela-USA

Portogallo-Uruguay

Italia-Zambia

Messico-Inghilterra

di Luigi Favero

cropped-logo-autogol-con-magazine.png

Annunci

Una risposta a “Mondiale Under 20 – Ottavi di finale (Parte 1)

  1. Pingback: MONDIALE UNDER 20 – Ottavi di finale (pt. 2) | Autogol al Novantesimo MAGAZINE·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...