Mondiale Under 20 – 20 giocatori da tenere d’occhio

Sabato 20 maggio inizierà in Corea del Sud la Coppa del Mondo Under 20, uno dei tornei giovanili più interessanti per la quantità di talenti in vetrina. In passato questa manifestazione ci ha fatto conoscere i vari Maradona, Messi, Aguero (l’Argentina detiene il record di 6 vittorie su 20 mondiali totali) ma anche Joe Cole, Casillas, Radamel Falcao, Pogba e Oscar, per citarne alcuni. Autogol al Novantesimo, che da sempre ha un occhio di riguardo per i giovani, vi propone di seguito una compilation dei migliori giocatori dell’edizione 2017.

Rodrigo Amaral (Uruguay)

Rodrigo-Amaral.jpg

Amaral è il capitano dell’Uruguay, una delle principali favorite per alzare il trofeo nel prossimo giugno. Gioca in patria come seconda punta nel Nacional de Montevideo ed è uno dei maggiori talenti della nuova generazione uruguagia. Ha già molta esperienza per la sua età (classe 1997), avendo preso parte anche all’edizione 2015 del mondiale di categoria. In under 20 vanta la bellezza di 52 presenze con 18 gol all’attivo.

Rodrigo Bentancur (Uruguay)

bentancur.jpg

Altro elemento di qualità della Celeste è il neo-juventino Rodrigo Bentancur, che proprio nella prima giornata affronterà il suo futuro compagno Rolando Mandragora. Bentancur è una mezzala destra di grande impatto fisico e con un affidabile tiro da fuori, come ha dimostrato in questa prima parte di stagione nel Boca Juniors. Non è prevalentemente un giocatore di fantasia, quanto piuttosto di sostanza e ordine. Arrivato in bianconero per 10 milioni di euro, questa è la sua occasione per farsi notare anche dal pubblico europeo.

Nicolas Schiappacasse (Uruguay)

schiappacasse.jpg

Classe 1999, questo ragazzo dal simpatico cognome ligure (ha passaporto italiano) è pronto a rubare la scena nel super attacco dell’Uruguay. Schiappacasse si presenta ai nastri di partenza come uno dei migliori attaccanti del torneo, e nonostante il suo ruolo naturale sia quello di esterno sinistro tende a vedere la porta con una certa continuità (già 15 gol in 25 presenze nell’under 20 uruguagia), grazie al gran destro sul quale rientra verso il centro per calciare. Acquistato dall’Atletico Madrid per 1,5 milioni di euro nella scorsa estate, è presenza fissa nella squadra B dei Colchoneros

Luther Singh (Sudafrica)

luther singh.jpg

Gli addetti ai lavori hanno definito il Sudafrica come una nazionale dall’anima brasiliana e dai tanti motivi d’interesse. Uno di questi è il punto di riferimento dell’attacco, Luther Singh, uno dei 3 giocatori “emigrati” della selezione sudafricana (giocano tutti in Portogallo). Passato a fine gennaio dal Goteborg allo Sporting Braga, il 20enne Singh è, a detta degli scout, una seconda punta molto rapida con senso del gol. Non ci resta che vederlo all’opera.

Diogo Goncalves (Portogallo)

diogo goncalves.jpg

Diogo Gonçalves è uno degli elementi più forti di questa rassegna. Gestito non a caso dalla Gestifute di Jorge Mendes, il suo valore di mercato non può che salire nel prossimo mese. Ala sinistra di piede destro del Benfica B, si è messo in mostra nell’ultima UEFA Youth League, persa in finale contro il Salisburgo. Può essere impiegato anche da fantasista a centrocampo, data la sua fine visione di gioco.

Josè Gomes (Portogallo)

jose goes.jpg

Compagno di Gonçalves nel Benfica B, il classe 1999 Josè Gomes, originario della Guinea Bissau, ha esordito solo a gennaio in under 20, segnando al debutto. Alto 180 cm nonostante la giovanissima età, sarà lui a guidare l’attacco lusitano. Gomes è molto abile nel gioco aereo, come ha dimostrato nella finale di Youth League persa ma aperta da un suo colpo di testa vincente.

 

Lee Seung Woo (Corea del Sud)

lee seung woo.jpg

Lee Seung Woo non è un fenomeno, e probabilmente mai lo diventerà, ma nonostante questo è la speranza principale dei padroni di casa della Corea del Sud. Lee è un 19enne mingherlino, giocatore di culto in patria da quando è passato al Barcellona B, insieme al suo compagno di nazionale Paik Seung Ho. La Corea non sembra essere attrezzata per andare fino in fondo alla competizione, ma se dovesse succedere sarà probabilmente merito di questo ragazzino che si allena con Messi & co. Siete avvisati…

Federico Dimarco (Italia)

dimarco.jpg

Federico Dimarco è cresciuto nel settore giovanile dell’Inter ed è reduce da una stagione passata più che altro in panchina nell’Empoli, dove il terzino sinistro titolare è il veterano Pasqual. Dopo un’annata non molto soddisfacente, dunque, Dimarco vorrà sicuramente riscattarsi e riproporre quanto di buono mostrato la scorsa estate all’Europeo under 19, in cui fu capocannoniere della selezione azzurra. Dimarco si candida ad essere l’incaricato dei calci piazzati e forse anche il rigorista dell’Italia, visto il gran mancino di cui dispone.

Nicolò Barella (Italia)

barella.jpg

Barella invece, al contrario di Dimarco, quest’anno a Cagliari ha avuto moltissimo spazio, complici anche gli infortuni gravi di Ionita e Joao Pedro che hanno sfoltito, gioco forza, la concorrenza a centrocampo. Mezzala di inserimento e all’occorrenza trequartista nel 4-3-1-2 di Rastelli, Nicolò Barella ha evidenziato notevoli miglioramenti nel corso della sua prima stagione in Serie A e inevitabilmente si caricherà sulle spalle gran parte del peso del centrocampo azzurro.

Rolando Mandragora (Italia)

mandragora.jpg

A proposito di centrocampo azzurro, veniamo a Rolando Mandragora. Centrocampista più difensivo di Barella, il mediano di proprietà della Juventus farà da diga davanti alla difesa, abilità che ha sviluppato particolarmente in Serie B, quando nel Pescara di Oddo si rendeva spesso utile alla causa anche da difensore centrale. Mandragora sarà il vero e proprio perno intorno al quale ruoterà il reparto mediano degli azzurrini.

Philipp Ochs (Germania)

Philipp-Ochs-530794.jpg

Philipp Ochs è il leader della Germania under 20. Dopo aver debuttato in Bundesliga con la maglia del sorprendente Hoffenheim, questo poliedrico centrocampista è pronto a prendersi anche la nazionale. Ochs è un autentico jolly: può infatti essere utilizzato sia come esterno di corsa a tutta fascia (sul lato sinistro) sia come incursore alle spalle degli attaccanti.

Alban Lafont (Francia)

lafont.jpg

Alban Lafont, per la sua altezza (193 cm), la sua età (classe 1999) e soprattutto per il suo talento è considerato un po’ da tutti il Donnarumma francese. Stiamo sicuramente parlando del miglior portiere del torneo e di un ragazzo che sentiremo nominare sempre più spesso in futuro. Lafont è reduce da una grandissima stagione con la maglia del Tolosa, in cui ha disputato 36 partite di Ligue 1 su 37 totali.

Allan Saint-Maximin (Francia)

saint maximin.jpg

Altro elemento di spicco della fortissima selezione francese è Allan Saint-Maximin, funambolico esterno offensivo che dopo aver esordito a 17 anni con la maglia del Saint Etienne, è stato acquistato dal Monaco per 5 milioni di euro. Viene da una discreta stagione in prestito al Bastia, condita da 3 gol e 3 assist. Gran dribblatore, deve migliorare nella finalizzazione dell’azione.

Lucas Tousart (Francia)

Tousart.jpg

Il giovane mediano del Lione ha convinto tutti: l’annata 2016/2017 è stata quella della sua affermazione con 22 presenze, spesso da subentrante al posto del capitano Gonalons. Tousart dopo aver accumulato esperienza internazionale disputando 7 partite nell’Europa League 2016/17, ha tutte le carte in regola per dirigere il centrocampo francese.

Jean-Kevin Augustin (Francia)

Jean-Kevin-Augustin.jpg

Partner spietato di Mbappè nell’ Europeo under 19 della scorsa estate (in cui la Francia battè in finale l’Italia per 4-0), Augustin sarà stavolta il primo violino dell’attacco transalpino (vista proprio l’indisponibilità di Mbappè, non liberato dal Monaco). Impiegato da Emery solo in pochi spezzoni di Ligue 1, Augustin potrebbe sfruttare l’occasione del mondiale under 20 per attirare su di sè nuove attenzioni, in vista di un probabile trasferimento estivo.

Dominic Solanke (Inghilterra)

solanke.jpg

Solanke è un centravanti del Chelsea under 23, che vista la folta concorrenza in prima squadra, nell’ultimo anno e mezzo si è dovuto accontentare di un prestito in Olanda, pochissimo minutaggio inglese e tanta tanta panchina. Vale quindi lo stesso discorso fatto per Augustin, fermo restando che il talento del ragazzo è indiscutibile.

Bryan Cabezas (Ecuador)

cabezas.jpg

Dopo tanta Europa, torniamo in Sudamerica con Bryan Cabezas, grande protagonista della cavalcata in Copa Libertadores 2016 con l’Independiente del Valle, che gli è valsa una chiamata dall’Italia. Nell’Atalanta di Gasperini purtroppo l’ecuadoregno, ancora da costruire fisicamente e immaturo per la consistenza tattica della Serie A, non ha quasi mai trovato spazio. Ala sinistra dall’ottimo potenziale, Cabezas ha realizzato 5 gol in 9 presenze con l’under 20 del suo Paese.

 

Ezequiel Ponce (Argentina)

ponce.jpg

Ai tifosi della Roma non sarà sicuramente nuovo il nome di Ezequiel Ponce, centravanti di proprietà della società capitolina che ha trascorso in prestito il suo ultimo anno a Granada. Non una buona stagione, a dire il vero, vista la retrocessione e lo scarso impiego nella seconda parte di campionato, ma El Tanque ha voglia di riscatto e le palle gol, in uno squadrone come quello Albiceleste, di certo non mancheranno.

Lautaro Martinez (Argentina)

lautaro.jpg

A ispirare le doti realizzative di Ponce (e chissà, magari a fargli anche concorrenza…) sarà il piede destro di Lautaro Martinez, attaccante completissimo del Racing. Autore di un gol ogni 154′ in Primera Divisiòn, Martìnez è allo stesso tempo bomber e rifinitore, centravanti e fantasista. Talento purissimo che molto presto vedremo anche in Europa.

Santiago Ascacibar (Argentina)

Santiago-Ascacibar

Dulcis in fundo, Ascacibar è forse il primo nome che gli scout in partenza per la Corea hanno scritto sul taccuino. Il mediano classe 1997 dell’Estudiantes e dell’Argentina è un giocatore molto solido, abile in costruzione e soprattutto in fase di rottura. Alto 170 cm, ricorda molto il doriano Torreira. Da monitorare.

Ricordiamo che le partite del Mondiale under 20 in Italia saranno trasmesse dai canali Eurosport, tutte le mattine a partire dal 20 maggio. Qui la programmazione.

di Luigi Favero

cropped-logo-autogol-con-magazine.png

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...