“London calling”: il dominio delle londinesi in Premier League

Di questa prima parte abbondante di campionato inglese, tra i tanti bilanci di metà stagione, sarà saltato agli occhi di tutti il grande predominio delle squadre londinesi sulla concorrenza, specialmente rispetto alle due grandissime di Manchester, grandi favorite quest’estate per la lotta al titolo.

Chelsea, il leone della Premier

Quasi ridicolo sottolineare per l’ennesima volta il grande lavoro di Conte nel riportare così in alto il Chelsea dopo solo pochi mesi dal suo insediamento sulla panchina del club del nord di Londra.

conte-chelsea

I “Blues”, alla ventunesima giornata hanno la miglior differenza reti della Premier e dopo i balbettii di inizio stagione, la squadra ha tenuto un passo spedito grazie soprattutto al cambio di modulo e il passaggio alla difesa a tre, con una diga di centrocampo come Kantè che da molte garanzie anche in fase di ripiego.

A questo va aggiunta anche la grande annata che sta facendo Eden Hazard, rinato grazie all’allenatore leccese, dopo un annus horribilis come quello appena trascorso.

I veri padroni del campionato inglese sembrano essere proprio loro, come ammesso dalla stessa concorrenza.

 

Tottenham, è Pochettino il valore aggiunto

Come spesso accade per gli allenatori argentini, sono loro i veri valori aggiunti di un club. Prendiamo ad esempio il grande lavoro di Simeone all’Atletico Madrid. Ecco, Pochettino sembra essere ormai diventato il suo alter ego.

pochettino-tottenham

Arrivato oramai alla sua terza stagione sulla panchina del Tottenham, l’ex mediano della nazionale argentina ha saputo garantire un equilibrio difensivo alla sua squadra, dando ampia libertà di inventare ad Eriksen come trequartista centrale.

A questo aggiungeteci una punta fenomenale come Kane (che probabilmente in Inghilterra non vedono dai tempi di Alan Shearer) ed il gioco è fatto. Continuità di risultato e valorizzazione dei giovani, amalgamato con qualche acquisto mirato, questa la ricetta degli “Spurs”. Anche per questa stagione il Tottenham può vantare più punti in classifica di quanti non ne abbiano fatti City e United.

 

Arsenal, “l’eterna seconda”

Passati i tempi di Henry e Viera, Pires e degli altri francesi, rimasti ormai solo come fantastici ricordi quelli della stagione 2003-2004 che ha regalato alla storia del calcio inglese il soprannome di “invincibles” i ragazzi di Wenger, oggi l’Arsenal è uno dei club più ricchi al mondo, grazie agli incredibili introiti legati alle TV, al merchandising e al fatturato legato al nuovo stadio (il terzo più redditizio al mondo).

Negli ultimi dodici anni la squadra dell’East London è sempre arrivata tra le prime quattro ed è anche l’unica ad aver sempre fatto parte della Champions League, passando sempre i gironi, con il picco raggiunto nella finale di Parigi del 2006, persa contro il meraviglioso Barcellona di Messi e Ronaldinho.

wenger-arsenal

In Premier League ormai Wenger sa muoversi come una biscia in una foresta, ma purtroppo da gennaio a marzo la parola “continuità” sembra non far parte del vocabolario della sua squadra. Tutti i più grandi risultati dell’Arsenal arrivano sempre nel girone d’andata e in primavera. Come un maratoneta che corre bene i primi dieci chilometri e gli ultimi cinque, l’allenatore alsaziano getta tutto alle ortiche nei mesi invernali.

Anche quest’anno la strada intrapresa sembra essere questa, con buona pace per tifosi dei “gunners” che però, come dimostrato anche nel film “Febbre a 90°” sanno dimostrare un amore smisurato verso la propria squadra, oltre il risultato.

di Vitali Valerio

cropped-logo-autogol-con-magazine.png

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...