DirettaMundial – M+M=VITTORIA; MATS (HUMMELS) E MANUEL (NEUER) PORTANO LA GERMANIA TRA LE PRIME QUATTRO

Immagine tratta da www.maidirecalcio.com

Immagine tratta da www.maidirecalcio.com

Francia-Germania è senza dubbio una sfida che mette in campo sempre grandi valori.
Era la sfida che vedeva contrapposti grandi campioni, e due grandi allenatori.
La Francia, arrivava da un Ottavo con la Nigeria, vinto nei 90’, non senza difficoltà. La Germania, invece, ha avuto bisogno di 2 ore (120’) per avere la meglio su un’Algeria da urlo.
Entrambe le compagini arrivavano all’impegno, con la voglia di andare avanti, e con le aspettative di chi sa di poter dare e dire ancora tanto nel torneo.

PRIMO TEMPO

I tedeschi cercano subito di incanalare sul binario favorevole l’incontro, tenendo in mano il pallino del gioco, e lavorando ai fianchi gli avversari francesi. Tuttavia sono proprio questi ultimi, al 7’, ad avere la prima vera occasione; è Benzema, infatti, a sfiorare la rete con un piattone di destro, su un cross del solito Valbuena; il pallone è fuori di pochissimo.
La svolta non tarda ad arrivare. Al 13′, punizione dalla trequarti battuta da Kroos, il quale coglie in mezzo all’area la torre Mats Hummels; il difensore del Dortmund, con un colpo di testa (la sua specialità) insacca e porta in vantaggio i suoi.
La Francia sembra stordita dal vantaggio tedesco, arrivato come un fulmine a ciel sereno, e non riesce a reagire.
Per assistere alla prima timida reazione, bisogna attendere al 34’, quando il cross del gioiellino Griezmann, coglie Valbuena che calcia, ma Neuer para d’istinto; sulla ribattuta la palla arriva sui piedi di Benzema, il quale non riesce a buttarla dentro grazie ad un prodigioso ripiegamento difensivo, dell’autore del gol, Mats Hummels.
L’arbitro emette il duplice fischio, mandando le squadre negli spogliatoi con il punteggio di 1-0 per gli uomini di Low.

SECONDO TEMPO

Nella ripresa, la Francia da subito l’impressione di voler recuperare un incontro ancor lontano dal considerarsi chiuso.
Nei primi minuti, Griezmann è il più attivo dei suoi, dando seriamente filo da torcere alla retroguardia tedesca.
Low, vedendo i suoi in difficoltà, muove le carte e mette in campo il numero 9 Schurlle, al posto di Miro Klose.
La risposta di Deschamps non si fa attendere; il tecnico transalpino, infatti, inserisce Remy al posto di Cabaye e dispone i suoi con un super-offensivo 4-2-4.
I galletti si riversano nella trequarti offensiva e lasciano ampi spazi per gli avversari, nella propria metà campo. Infatti, la Germania sfiora il raddoppio con Mueller, il quale con un diagonale cerca di superare Lloris, ma la palla termina sul fondo.
Il match si avvia verso i minuti finali, ma la sfida è tutt’altro da considerarsi chiusa.
La Francia continua a cercare la rete che porterebbe il punteggio in parità, e la Germania, di contro, tenta di chiudere i conti colpendo in contropiede.
Matuidi
si trova la palla sui piedi in mezzo all’area; calcia verso la porta a colpo sicuro ma l’insuperabile Neuer respinge con i pungi. Sul capovolgimento di fronte è Schurlle, ad andare vicino alla segnatura, con una conclusione dall’altezza del dischetto, la quale viene respinta con i piedi dall’estremo difensore francese.
A calare il sipario sull’incontro, in pieno recupero (al 94’), è Neuer il quale salva il risultato con un intervento su un tiro a botta sicura sul primo palo, di Benzema.

La partita finisce così; la Germania vola ancora una volta in semifinale grazie alla rete del suo difensore, e alle parate di un sempre più grande Neuer; la Francia, dal canto suo, esce a testa alta da un mondiale ottimamente giocato.

TABELLINO

FRANCIA-GERMANIA 0-1
Francia(4-3-3):
 Lloris; Debuchy, Varane, Sakho (72′ Koscielny), Evra; Cabaye (74′ Rémy), Matuidi, Pogba; Valbuena (85′ Giroud), Benzema, Griezmann. Allenatore: Didier Deschamps
Germania (4-2-3-1): Neuer; Lahm, Boateng, Hummels, Howedes; Schweinsteiger, Khedira; Muller, Kroos (90′ Kramer), Ozil (83′ Gotze); Klose (69′ Schurrle). Allenatore: Joachim Low
Arbitro: Nestor Pitana
Marcatori: 13′ Hummels
Ammoniti: Khedira, Schweinsteiger (G)

di Rocco Lucio Bergantino

Rispondi