Serie A – LADIES AND GENTLEMEN: “EL PIPITA”, GONZALO GERARDO HIGUAIN

Immagine tratta da it.eurosport.yahoo.com

Immagine tratta da it.eurosport.yahoo.com

Non è un caso se il River Plate è stata la sua prima squadra; non è un caso se il Real Madrid ha sborsato ben 13 milioni di euro per lui, quando aveva solo 19 anni; non è un caso se ha segnato 121 gol in 264 presenze con la maglia della merengues; non è un caso se ha totalizzato, fino a questo momento, più di 30 presenze e ben 20 reti con la nazionale argentina.
Tutto ciò si non è un caso poiché stiamo parlando di Gonzalo Higuain.

Gonzalo Higuain, attaccante argentino classe ’87 ora in forza al Napoli, è uno dei cosiddetti “top player”, arrivati la scorsa estate nel nostro campionato.
Arrivato nel capoluogo campano con i migliori propositi, voglioso di non fare rimpiangere il Cavani appena partito e di non far pentire la dirigenza partenopea dell’esborso plurimilionario (quasi 40 milioni), ha iniziato la sua nuova avventura con tanta voglia di fare bene.

Con 4 reti ed 1 assist nelle prime 5 presenze (tra campionato e Champions League), la sua stagione sembrava essersi messa fin da subito in discesa.
Oltre alla presenza “ingombrante” nel campo per gli avversari, il risaputo fiuto del gol, la sua imponenza fisica, ha da subito mostrato anche una grande esplosività e rapidità nella corsa; Cavani sembrava esser un lontano ricordo.
Eppure non è stato tutto rose e fiori.

Ben poco è bastato per far vacillare il trono del nuovo “sovrano” partenopeo; sono bastati, infatti, alcune noie muscolari per far diventare il “Pipita” un acquisto “eccessivamente oneroso”, o ancora “uno spreco di milioni” o “un’unghia di Cavani” oppure “il bomber con i muscoli di cristallo”.
E’ stata criticata la sua condizione fisica, il suo rendimento e messa in dubbio la sua valenza tecnica.

Eppure il “Pipita” non si è fatto distrarre da queste “inutili” critiche.
Reale è stato il calo fisico, ma imputabile ad un naturale calo fisiologico che chiunque potrebbe avere; tuttavia Gonzalo, da vero “Top Player”, si è rialzato prendendo per mano un Napoli che era sempre più in difficoltà.

Nelle ultime 4 presenze (tra Campionato e Champions League), 4 sono le reti messe a segno dal bomber argentino (oltre 1 assist) nelle ultime 4 partite.
Oltre ai gol, tante ottime giocate, prestazioni di peso fisico e tecnico e tanta voglia di zittire gli scettici che troppo presto l’avevano definito come “bollito”.
Gonzalo Higuain tanto bene può fare a questo Napoli; le 13 reti e i 6 assist in 22 presenze, ne sono la palese conferma.

Ladies and gentlemen: “El Pipita”. Gonzalo Gerardo Higuain.

Autogol al Novantesimo

di Rocco Lucio Bergantino

Rispondi