Serie A – UN MILAN ACQUA E SAPON-ARA

Immagine tratta da www.milanlive.it

Immagine tratta da www.milanlive.it

Trequartista classe ’91, Riccardo Saponara è uno degli elementi più interessanti del panorama giovanile italiano.
Rapido con e senza palla al piede, Saponara ha nel dribbling una delle sue caratteristiche migliori. Dotato anche di un ottimo tiro, nelle sue prestazioni mescola alla perfezione quantità e qualità. Con forte e naturale (dato il suo ruolo) propensione al gioco offensivo, sapiente e ordinato anche in fase difensiva e di non possesso.

È stato più volte paragonato al suo compagno di squadra Kaka, per movimenti, giocate, tocco di palla, e collocazione tattica sul campo.
Grazie alle sue grandi qualità, è in grado di ricoprire anche il ruolo di ala offensiva e di seconda punta.

Lo scorso gennaio, la società rossonera si è assicurato il promettente ragazzo, per una somma vicina ai 4 milioni di euro, scegliendo tuttavia di lasciargli concludere la stagione ad Empoli (squadra nella quale militava dal 2013).
Il suo cammino ad Empoli è stato un progressivo migliorarsi ed affermarsi, partita dopo partita.
Dalle 17 presenze e 0 reti della stagione 2010/2011 è arrivato alle 40 presenze e 13 reti messe a segno, nella stagione scorsa.
Nel giro delle nazionali giovanili, sono 22 le presenze e 3 le reti con gli “azzurrini” (attualmente sotto la guida di Gigi Di Biagio), oltre le 3 presenze con l’Under-18 ed una con l’Under-19.

27 Ottobre 2013 la data del suo esordio (in occasione della partita contro i Parma, persa 3 a 2 dal Milan a San Siro), in questa sua prima stagione con la maglia rossonera, bloccato da qualche piccolo guaio fisico, sono solo 2 le presenze con il Milan, entrambe subentrando dalla panchina (solo 24 i minuti giocati).

In un Milan che fatica ingranare, dove l’infermeria è sempre piena e dove anche i “guariti” ci tornano per antipatiche “ricadute” o altri problemi (vedi El Sharaawy), Riccardo potrebbe essere la vera arma in più per un sempre più in bilico Allegri.
Proprio la “poca fiducia” riposta nel ragazzo di Forlì, uno dei suoi capi d’accusa. Tuttavia, nonostante tutto, sembra arrivato per Saponara, il momento di diventare protagonista; si parla di un trasferimento in prestito a gennaio, per mettere minuti nelle gambe; tuttavia non sarebbe strano trovar Saponara tra qualche mese, protagonista con la maglia della società rossonera.

Autogol al Novantesimo

di Rocco Lucio Bergantino

Rispondi