#SpazioGiovani – IL GOL NEL SANGUE: ALBERTO CERRI

Immagine tratta da www.zimbio.com

Immagine tratta da www.zimbio.com

Alberto Cerri, è uno degli elementi più promettenti del calcio giovanile italiano. Il classe 96’, di ruolo attaccante, ha nella forza fisica una delle sue qualità migliori (194 cm e circa 85 kg).
Fin dai “primi passi” con la formazione gialloblù, ha lasciato intravedere le sue grandi potenzialità.

Già nella stagione 2010/2011, nella categoria dei Giovanissimi Nazionali, Alberto realizza 14 gol in 12 partite. Le sue grandi prestazioni, gli valgono la promozione negli Allievi Nazionali. In quest’ultima categoria nella scorsa stagione, sotto la guida di Cristiano Lucarelli (oggi tecnico del Viareggio) ha replicato le grandi prestazioni della precedente annata, arrivando anche alla conquista del trofeo di categoria.
A dimostrazione del suo grande talento c’è la sua grande propensione a bruciare le tappe; infatti esordisce in primavera a soli 15 anni nel Febbraio 2012, ed ancora più importante risulta il suo esordio in Serie A, quasi un anno dopo (il 30 Marzo 2013) in una partita contro il Pescara (vinta per 3 a 0) all’età di soli 16 anni e 348 giorni (all’epoca militante ancora negli Allievi Nazionali), subentrando ad Amauri.

In questa stagione, Alberto, non si sta smentendo.
Fino a questo momento sono 14 le presenze totali (tra club e nazionale), con 6 gol messi a sengo ed anche un assist servito. Ai grandi numeri, si aggiungono prestazioni di peso sia dal punto di vista tattico che da quello agonistico.
Uno dei pilastri delle nazionali giovanili, Alberto ha totalizzato fin ora 40 presenze (tra Under-16, Under-17 ed Under18) mettendo a segno 15 reti.
Ha anche disputato l’utimo  Mondiale di calcio Under-17 (disputato tra il 17 Ottobre e l’8 Novembre scorso negli Emirati Arabi) concludendo la corsa insieme ai suoi compagni agli Ottavi di finale

Ha dichiarato più volte di ispirarsi a due grandi campioni come Marco Van Basten e Zlatan Ibrahimovic,

Un elemento più che interessante del nostro calcio giovanile, e da tenere d’occhio.

Autogol al Novantesimo

Rocco Lucio Bergantino

[banner align=”aligncenter”]

Rispondi